sabato 11 maggio 2013

Terminale Ubuntu - Privilegi

Terminale Ubuntu, come avere i privilegi di amministratore 

Terminale Ubuntu, come avere i privilegi di amministratore

Come sappiamo, Linux permette di fare quasi tutto tramite interfaccia grafica e utilizzo del mouse. Tuttavia, può essere necessario, alcune volte conviene anche, utilizzare il terminale previsto dalla distro in uso. Uno dei primi problemi, in questo caso, è capire quali operazioni si posono fare senza avere bisogno di privilegi particolari.

In pratica, anche solo per cambiare una data del sistema, o un orario, non possiamo operare come utente comune; diciamo questo perchè per il terminale noi siamo solo utenti comuni (come ci dice il simbolo ~$). A questo punto diventa necessario conoscere "SUDO".

Il comando sudo, anteposto ad un qualsiasi comando, consente di eseguire quel comando con i privilegi di root che possiamo anche definire di amministratore; per acquisire temporaneamente questi privilegi si deve inserire la propria password utente e premere invio. Ovviamente se si lascia il terminale aperto e dopo un paio di minuti si vuole eseguire un altro comando utilizzando sudo, non sarà necessario fornire di nuovo la password, in quanto la password rimane valida per circa cinque minuti dall'ultimo utilizzo del comando (il simbolo ~# dimostra che l'utente non è più "comune" ma è diventato "amministratore" oppure "root").
Se però, come spesso accade, si danno dei comandi come utente root con poca frequenza, si dovrà inserire la password ad ogni utilizzo, oppure nel caso si debbano utilizzare molti comandi, può risultare scomodo dover anteporre sempre sudo ad ogni digitazione. È per questo che è possibile passare ad una shell di root, sempre utilizzando il comando sudo:

utente@ubuntu:~$     →     sudo -s     →     root@ubuntu:~#

Come potete notare, la sintassi della shell è cambiata un po', nel senso che il vostro nome utente è stato sostituito da root, ad indicare che la shell in cui siete in questo momento è quella con i privilegi di amministratore, inoltre l'ultimo carattere non è il simbolo del dollaro, ma bensi lo "sharp" (#), o cancelletto che dir si voglia. Il simbolo del dollaro ed il cancelletto rappresentano, spesso, nelle guide con quali privilegi deve essere fornito quel comando, se come utente normale o come utente root.

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari