mercoledì 23 gennaio 2013

Sicurezza Elettrica Protezione contro i contatti

Protezione contro i contatti diretti:


Le misure di protezione contro i contatti diretti possono essere costituiti da:
-        isolamento dei conduttori attivi e delle parti in tensione;
-        involucri con diversi gradi di protezione contro la penetrazione di corpi estranei e di liquidi (grado di protezione IPXX);
-        barriere
-        distanziamenti
-        ostacoli
-        limitazione della carica elettrica.
Gli isolamenti sono costituiti da materiali isolanti solidi, liquidi o gassosi. I conduttori delle linee a bassa tensione sono generalmente isolati in gomma o materie plastiche in grado di mantenere le loro caratteristiche isolanti e meccaniche alla temperatura di funzionamento.
Gli involucri possono essere metallici o in materiale isolante e sono classificati mediante le lettere IP seguite da due numeri, di cui il primo indica la possibilità di penetrazione di corpi solidi di determinate dimensioni,  il secondo riguarda la possibilità di penetrazione di liquidi, in diverse condizioni.  Ad esempio il grado di protezione IP 65 corrisponde ad un involucro che non dà luogo a depositi visibili di polvere all’interno ed al cui interno getti d’acqua , in tutte le direzioni non provocano effetti dannosi. La designazione di “apparecchiatura stagna” è priva di significato perché troppo generica.

Barriere, distanziamenti ed ostacoli servono ad impedire l’avvicinamento alle parti attive a distanze minori di quella di sicurezza, funzione della tensione di esercizio.
La limitazione della carica elettrica viene realizzata in modo che quando si viene a contatto con le parti attive si trovi interposta una impedenza limitatrice della corrente, “impedenza di protezione” che limita la corrente a qualche mA.

 Protezione contro i contatti indiretti
Le protezioni contro i contatti indiretti sono costituite da:
a)     collegamento a terra delle masse o impiego di componenti ad isolamento doppio o rinforzato;
b)     interruzione automatica del circuito.
c)     separazione elettrica, mediante trasformatore di isolamento;

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari