giovedì 2 agosto 2012

realizzare copie al volo di un CD

masterizzazione

CD “al volo” oppure no
si può ben dire che sono poche oggi le ragioni per scegliere di masterizzare “on the fly”, ossia “al volo”.  questo sistema che prevede la presenza di un lettore CD, oltre che, ovviamente, di un masterizzatore, si basa sul trasferimento diretto delle informazioni dal CD originale a quello di backup. Premesso che per realizzare copie al volo è necessario anche accertarsi che lettore CD e masterizzatore risiedano su due diversi canali  IDE, questa  modalità di copia si rivelava utile soprattutto quando lo spazio su disco era un problema.
 Con le attuali unità da diverse decine di gigabyte il problema di non avere 700 megabyte liberi sul disco fisso, non dovrebbe più sussistere e con esso anche la necessità di effettuare copie “on the fly”. Tanto più che ricorrere a un preventivo trasferimento dei dati contenuti nel CD originale sul disco fisso sotto forma di file di immagine, garantisce una maggiore probabilità di successo e un minor numero di errori nei dati. Per registrare un CD al volo, infatti, viene quasi sempre realizzata un'immagine virtuale del disco originale che contiene solo  e caratteristiche dei file ma non i dati veri e propri. Il contenuto dei file, invece, viene letto solamente durante la scrittura del CD.

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari