lunedì 13 agosto 2012

Attenti ai jitter


sistemi di jitter correction
La prima cosa da fare quando si parla di jitter è fare un po’ di chiarezza, dal momento che ne esistono due tipi differenti. Il primo si riferisce a un errore nella base dei tempi, che avviene durante la conversione di un campione digitale in analogico. Il secondo è invece usato nel contesto dell'estrazione audio da CD e indica la duplicazione o la perdita di alcuni campioni. Quest’ultimo problema nasce dal fatto che le specifiche originali previste da Philips non richiedono un indirizzamento preciso dei blocchi. Infatti, mentre i dati audio sono inviati a un buffer in modo per così dire ordinato, le informazioni di indirizzamento dei blocchi audio sono prive dei subcode channel e inviati a una parte differente del controller.

Dal momento che in questo modo dati audio e informazioni sugli indirizzi viaggiano su binari separati, il lettore CD può trovarsi nella spiacevole situazione di non riuscire a identificare esattamente inizio e fine di ogni blocco. Durante l’estrazione delle tracce audio il risultato è che possano essere duplicati o saltati alcuni campioni, cosa questa che genera dei fastidiosi click in fase di riproduzione.
 Il rimedio migliore passa per i cosiddetti sistemi di jitter correction. Si tratta di soluzioni software che si basano su ripetute letture, che permettono all’occorrenza di far slittare i dati fino a farli combaciare per ottenere la sequenza originale.

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari