mercoledì 27 giugno 2012

Migliorare la memoria Ram senza spendere soldi


script che velocizza le ricerche
Se il pc è dotato di RAM in grande quantità, tanto che la cache del sistema arriva a richiedere 150, 200 o più MB per il buffer, è bene utilizzare tale eccedenza in modo razionale facendo avviare automaticamente i programmi maggiormente utilizzati. Il sistema più semplice consiste nell'attivare questi avvii mediante  collegamenti in START/PROGRAMMI/ESECUZIONE AUTOMATICA.
Altre possibilità più raffinate sono offerte dall'Utilità  di pianificazione, raggiungibile o dall'omonima icona nel Systray o tramite la cartella \Tasks in Windows. Qui è possibile assegnare a ogni programma, sotto IMPOSTAZIONI, un determinato lasso di tempo dopo il quale avviare il processo. In tal modo il programma verrà sì eseguito, ma senza compromettere l'avvio di Windows. Ancora più elegante è la combinazione tra l'unità di pianificazione e un  piccolo script che carichi automaticamente alcune applicazioni.

Liste di file e testi nella RAM
Per avere sempre rapido accesso alle informazioni utilizzate di sovente, è possibile far eseguire in background tabelle, banche dati o testi con un'applicazione idonea  e utilizzare le relative funzioni di filtro e ricerca. Ma  anche i dati relativamente disordinati possono essere esaminati in un battibaleno se si trovano già nella  memoria con un piccolo script. Lo script ADRESSEN. VBS. L'unico adeguamento da  fare riguarda l’indicazione di un file sorgente nella prima riga. 
Deve essere un file in formato solo testo (ANSI) e può contenere indirizzi, numeri telefonici o anche un dizionario speciale, oppure tutto  insieme.

Lo script legge tutte le righe (paragrafi) presenti nella memoria, quindi cerca in ogni paragrafo una o più parole separate dallo spazio, tenendo conto che devono essere soddisfatti tutti i criteri di ricerca. I risultati vengono emessi in una nuova istanza di Internet Explorer. Per la modifica diretta del file sorgente basta digitare  EDIT dalla finestra ESEGUI di Windows, con cui si richiama il BLOCCO NOTE. Visto che questa applicazione  non è però iul massimo per documenti piuttosto corposi, nella riga 40 dello script è possibile inserire un editor di propria scelta. Una procedura in teoria simile è la ricerca veloce di file in un archivio e il relativo accesso.
Qui basta far sì che i file vengano aggiornati in modo semplice e che venga prodotto un output filtrato, da cui accedere facilmente ai file trovati. Come output abbiamo scelto, nello script di esempio FILTER.VBS, collegamenti temporanei nella cartella%windir%\LinkMe. Con ciò si ottiene sempre l'accesso ai file di destinazione, indipendentemente dai tipi di file filtrati. Si dovrebbero evitare criteri di ricerca inadeguati, come “e” o "ato”, perché altrimenti lo script crea migliaia di link.

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari